Ciao, ora sei in clientela retail

X

Accedi all'area riservata di ScelgoMutuo.it

E-mail
Password

Se hai dimenticato la password clicca qui

Se non sei ancora registrato clicca qui

X

Recupero della password di ScelgoMutuo.it

E-mail

Se non sei ancora registrato clicca qui

X

Registrati all'area riservata di ScelgoMutuo.it

La registrazione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento

E-mail
Password
Conferma Password

Letta l’informativa sulla privacy (DLGS 196/2013)

Affinchè i miei dati vengano trattati ai sensi
del paragrafo 3 dell‘informativa stessa

Registrandoti potrai:

Se sei già registrato effettua il login

X

X

X

Grazie

Commento inserito e in attesa di approvazione

X

Domande e Risposte

Gentile utente, ti ringraziamo per aver cliccato sul link, la sezione è in fase di test e sarà online nel più breve tempo possibile, ti invitiamo a tornare a trovarci presto e di continuare con la navigazione per scoprire gli altri servizi messi a disposizione gratuitamente da ScelgoMutuo.it

X

Grazie

Commento inserito e in attesa di approvazione

Che cosa cerca la clientela retail

02/05/2013

immagine news

Cisco, “Cisco Customer Experience Report”, ha presentato i risultati dello studio focalizzato sul retail banking dal quale è emersa la volontà dei clienti di ricevere un servizio maggiormente personalizzato (72%), costante e di valore con la propria banca.
Lo studio globale ha esaminato il desiderio degli intervistati di avere un’esperienza bancaria più personalizzata e che permetta una gestione semplificata delle proprie finanze tramite diversi canali, incluso l’online, i telefoni tradizionali e cellulari, la videoconferenza e gli sportelli bancari.
La ricerca, che ha coinvolto 1514 utenti e 405 professionisti del settore bancario di 10 paesi, ha inoltre mostrato un’elevata disponibilità degli utenti a condividere le proprie informazioni private con il personale della banca (61%) al fine di semplificare la gestione delle finanze, ottenere un maggior risparmio (80%) e proteggersi da pericoli quale il furto dell’identità.
Per tali ragioni gli utenti sono disposti a fornire anche i propri dati biometrici (es. impronte digitali) alla banca, la quale d’altro canto si impegnerà, secondo la volontà degli intervistati, a non condividere tali informazioni al di fuori dell’istituto stesso, a discapito di potenziali miglioramenti nel servizio offerto.
Gli utenti appaiono inoltre propensi all’introduzione della tecnologia (cellulari, posta elettronica e videoconferenze) per comunicare con il proprio operatore finanziario (71%) anche se la presenza fisica risulta essere ancora determinante nel processo di acquisizione di nuovi clienti.

Lascia un commento alla News