Ciao, ora sei in sospensione rata mutui

X

Accedi all'area riservata di ScelgoMutuo.it

E-mail
Password

Se hai dimenticato la password clicca qui

Se non sei ancora registrato clicca qui

X

Recupero della password di ScelgoMutuo.it

E-mail

Se non sei ancora registrato clicca qui

X

Registrati all'area riservata di ScelgoMutuo.it

La registrazione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento

E-mail
Password
Conferma Password

Letta l’informativa sulla privacy (DLGS 196/2013)

Affinchè i miei dati vengano trattati ai sensi
del paragrafo 3 dell‘informativa stessa

Registrandoti potrai:

Se sei già registrato effettua il login

X

X

X

Grazie

Commento inserito e in attesa di approvazione

X

Domande e Risposte

Gentile utente, ti ringraziamo per aver cliccato sul link, la sezione è in fase di test e sarà online nel più breve tempo possibile, ti invitiamo a tornare a trovarci presto e di continuare con la navigazione per scoprire gli altri servizi messi a disposizione gratuitamente da ScelgoMutuo.it

X

Grazie

Commento inserito e in attesa di approvazione

In arrivo nuove condizioni per la sospensione di rate

28/01/2015

immagine news

Ferma la moratoria sui mutui, in attesa di un nuovo accordo tra Ministeri, Abi e consumatori, dopo la legge di stabilità votata a Dicembre che permette la sospensione di pagamento di mutui e finanziamenti nel triennio 2015-2017.
I dettagli dell'intesa saranno concordati entro fine Marzo dai Ministeri dell'Economia, dello Sviluppo Economico, Abi e le varie associazioni dei consumatori, in quanto al momento non c'è stato ancora nessun incontro.
Punto fermo dall'accordo è la possibilità di sospendere solo quote capitali e non quelle interessi, che proseguiranno a venir pagate; mentre punto interrogativo per quanto concerne la tempistica: il testo di legge parla genericamente , però occorre definire se il triennio è tempo limite entro in quale presentare domanda o se il periodo di sospensione non potrà superare il 31 Dicembre 2017.
In attesa dei dettagli, per tutto il 2015 è ancora attivo il Fondo di solidarietà per l'acquisto della prima casa finanziato dal Governo. Secondo dati aggiornati all'8 gennaio, da quando è stato istituito il 27 aprile 2013, sono state attivate circa 21.000 pratiche. Nel 93,2% dei casi la sospensione è motivata dalla perdita del posto di lavoro. Al fondo, infatti, possono accedere i titolari di mutui prima casa solo in alcune circostanze eccezionali quali disoccupazione, decesso o insorgenza di un handicap. In questo caso, la sospensione riguarda l'intera rata e durante il periodo di stop è il Fondo a pagare gli interessi alla banca.

Lascia un commento alla News